Per funzionare, WPML richiede:

  • WordPress [versione-minima-di-wordpress] o versioni successive
  • PHP 5.3 e versioni successive con limite di memoria di almeno 128 MB (consultate le impostazioni sulla memoria di WP). Ricordate che la memoria richiesta per il vostro sito dipende dal contenuto, dal tema e da tutti i plug-in.
  • MySQL 5.6 e versioni successive.
  • Che possiate creare tabelle nel vostro database.
  • Estensione Multibyte String per utilizzare String Translation di WPML
  • Estensione SimpleXML per utilizzare i file XLIFF in WPML Translation Management.

WPML potrebbe funzionare su versioni precedenti di PHP e MySQL, ma non possiamo testarle. Se state utilizzando versioni precedenti, vi consigliamo vivamente di attivare la modalità di debug di WPML. In questo modo verranno riconosciuti tutti gli errori PHP e vi consentirà di scoprire eventuali anomalie di funzionamento.

Non esitate a commentare qui l’utilizzo di WPML con altre versioni.

Come controllare quale versione di PHP state utilizzando in questo momento

Alcune aziende di hosting condiviso hanno installato sia PHP4 che PHP5. Il miglior modo per controllare la versione in uso è chiedere allo stesso processore PHP (non al tecnico dell’azienda di hosting).

Create un file denominato php_info.php e posizionatelo nella vostra directory di WordPress (vicino a wp-config.php). Questo file deve contenere la seguente stringa:

<?php phpinfo(); ?>

Niente di infattibile, no? Se lo necessitate, vi invitiamo a scaricarlo come file ZIP: php_info.zip (ovviamente, prima di caricarlo sul vostro server dovete decomprimerlo).

Terminata l’operazione, aprite un browser e andate a: http://vostrodominio.it/php_info.php

Dovreste visualizzare una schermata simile a questa:

php-info.php che mostra PHP5

php-info.php che mostra PHP5

In alto viene indicata la versione PHP in uso. Se viene mostrata la Versione 4 di PHP, non funzionerà. La cosa migliore da fare è inviare un’e-mail alla vostra azienda di hosting e chiedere come attivare PHP5.

Struttura dei permalink

WPML aggiunge informazioni linguistiche agli URL. È stato testato con le seguenti strutture dei permalink:

  • Predefinita
  • /%anno%/%numeromese%/%nomepost%/

Spiegazione:

Potrebbero funzionare anche altre strutture di permalink, ma in configurazioni diverse possono generare problemi. In tutti i nostri siti stiamo utilizzando /%anno%/%numeromese%/%nomepost%/.

Per le pagine, otterrete gli stessi identici URL che otterreste con /%nomepost%/. Tuttavia, con questa struttura dei permalink non vi è possibilità che WordPress confonda le pagine e i post, generando potenziali problemi di risoluzione delle lingue.